Codiceicona riedita e produce gli oggetti dei migliori maestri del design del ‘900

Asahara Shigeaki / Lampada Zigurrat 1980

Giovanissimo,nella città natale, Kunitachi,  universitaria, Shigeaki Asahara è allievo di Nakamoto Tatsuya che vi insegna pittura. Su consiglio del maestro, si trasferisce in Italia a Torino, iscrivendosi all’Accademia Albertina di Belle Arti. Uno dei suoi dipinti verrà selezionato al concorso Arte Giovane. Frequenta di rado l’Istituto, coltiva  infatti l’interesse per il design dell’automobile, il mondo dei carrozzieri. ”Ben presto però, dichiara, mi sono convinto che progettando oggetti di minore dimensione, potevo più facilmente immaginare come sarebbero stati una volta realizzati. Un lavoro che, finalmente, ben mi si adattava, quello del product design, rappresentava la miglior scelta per la mia sensibilità ideativa”. Rientrato in Giappone collabora con Adam&Eve, facendo esperienze nel campo della ceramica. Quindi a Torino,tra il 77 e il 78, con ABACO, noto studio di architettura e interior design, in qualità di designer. In seguito, a partire dagli anni 80 inizia la sua carriera di progettista freelance, primeggiando nel settore illuminazione, alternando la sua presenza operativa in Italia e in Giappone.

Per Ushio Spax, Yamada, Daiko progetta lampade dedicate al mercato giapponese, aggiudicandosi per ben due volte il premio Good Design istituito dal Ministero dell’Industria. Alcune sue lampade sono presenti nelle collezioni permanenti di importanti musei di New York e Tokyo. In Italia lavora con Cristal Art, Lucitalia, Stilnovo,Candle and Contact. Giuliana Gramigna,pubblica in Repertorio del design italiano 1950-2000, alcune sue ideazioni, citando,tra i pochissimi stranieri, il suo nome. Nel 2019 Codiceicona riedita Palomar del 1984 e Ziggurat del 1981, inconfondibili attestati del lessico progettuale di Shigeaki Asahara. E, in pieno accordo con il designer commercializza altresì, sempre nel 2019 la versione ridotta in scala di Ziggurat, nonché Lamina, lampada da tavolo, che gia oggi non teme il tempo, irriducibile coerente segno nel tempo.

 

La nuova Ziggurat è in fase di realizzazione e sarà presentata nel 2021. 

Asahara Shigeaki